How digital can save journalism in the Middle East and Arab World

2017-04-6 11:45:00 2017-04-6 13:00:00 Europe/Rome How digital can save journalism in the Middle East and Arab World #ijf17   Non tutto ciò che è digitale è online, quindi perché è così difficile per l’industria giornalistica (specialmente nel Medio Oriente) capire che non tutto quello che è online è digitale? Quello che sta accadendo attualmente è una digitalizzazione della carta stampata, alla quale si accompagna una digitalizzazione dei modelli di business e di proprietà delle testate. Ma tutto questo non funziona più. Le regole di internet non lo permettono. Il fenomeno del clickbait è semplicemente il risultato naturale della nostra pigrizia collettiva nei confronti di questo mezzo. Avete bisogno di traffico per avere pubblicità, di inserzioni per fare soldi, di soldi per pagare i vostri giornalisti. Se il vostro tipo di giornalismo non è abbastanza eccitante, abbastanza interessante o persino non abbastanza sexy per ottenere il traffico di cui hai bisogno, la soluzione non sta nel livellarvi verso il basso e cambiare il vostro modo di fare giornalismo. La soluzione sta nel cambiare il vostro approccio verso il mezzo, non verso il messaggio. Il digitale ci può aiutare a mettere a nudo il giornalismo, privandolo di tutte le connotazioni relative al mezzo precedente e riportandolo al suo nucleo; un valore aggiunto. Il giornalismo non sono le notizie; il giornalismo è mettere quelle notizie in un contesto, spiegandolo. Il mezzo digitale vi permette di esplorare questioni più complesse con il vostro pubblico, di trovare modalità innovative e coinvolgenti per condividere tali questioni con il vostro audience. Fate una ricerca giornalistica approfondita, e poi pensate a come presentarla al meglio. Ciò implicherà anche una revisione di come definiamo i giornalisti, per non parlare della nozione che i giornalisti abbiano bisogno di una byline e di limiti di parole. Un’integrazione fra giornalisti e artisti che porterà a un nuovo ibrido di pensatori digitali, che possono fare ricerca, intervistare, citare, programmare e creare. Centro Servizi G. Alessi - Perugia

panel discussions | in English (without translation)

  • 11:45 - 13:00   thursday 6/04/2017

Centro Servizi G. Alessi

« back to the programme
Sakhr Al-Makhadhi
Middle East editor AJ+
Fatemah Farag
founder & director Welad Elbalad Media Services
Sana Sbouai
co-founder Inkyfada
Farah Wael
co-founder Medina Media

Not everything that’s digital is online, so why is it so hard for the journalism industry (especially in the Middle East) to realise that not everything that’s online is digital.

What’s happening now is a digitalisation of print, and with it there is a digitalisation of business and ownership models of news organisations as well. But it doesn’t work anymore. The rules of the Internet don’t allow for this. Click baits are just natural outcomes of our collective laziness towards this medium. You need traffic to get advertising and ads to make money and money to pay your journalists. If your journalism is not exciting enough, interesting enough or even just not sexy enough to get you the traffic you need, the solution isn’t to dumb down and change your journalism. It’s to change your approach towards the medium not towards the message.

Digital can help us strip journalism bare of all the connotations of its previous mediums and bring it back to its core; a value added. Journalism is not the news; it’s putting the news in context, explaining it. The digital medium allows you to explore more complex issues and find innovative, immersive ways to share these issues with your audience. Conduct comprehensive journalistic research and then think how can this best be presented. With that we will also need to re-asses how we define journalists, let go of the notion that journalists need bylines and word limits. A morphing between journalists and artists that will bring about a new hybrid of digital thinkers, who can research, interview, cite, code and create.









2017 Il Filo di Arianna - contacts - Privacy Policy - © All rights reserved P.I. 02480770540