Pollsters or astrologists? The social role of opinion polls in politics

2017-04-8 12:15:00 2017-04-8 13:15:00 Europe/Rome Pollsters or astrologists? The social role of opinion polls in politics #ijf17 Nel 2016 la politica ha offerto risultati considerati sorprendenti da molti analisti: la Brexit e la vittoria di Donald Trump erano stati considerati quasi impossibili in moltissimi sondaggi condotti fino a pochi giorni prima delle elezioni. Gli stessi candidati dichiarano sempre più spesso, soprattutto in pubblico, la scarsa fiducia nello strumento (salvo poi essere affamati di dati in privato). La ricerca quantitativa e qualitativa resta un punto di partenza insostituibile per la comunicazione politica e per l’analisi dei fenomeni complessi, ma è opportuno fermarsi a riflettere su cosa fare per evitare che i risultati dei sondaggi perdano del tutto la loro credibilità. Allo stesso tempo è importante conoscere le nuove tecniche di profilazione degli elettori utilizzate da alcuni candidati in campagna elettorale per comprendere il loro possibile utilizzo anche dagli istituti di ricerca Sala del Dottorato - Perugia

panel discussions | with simultaneous translation in English and Italian

  • 12:15 - 13:15   saturday 8/04/2017

Sala del Dottorato

« back to the programme
Dino Amenduni
partner Proforma
Ben Page
CEO Ipsos Mori
Nando Pagnoncelli
president Ipsos Italy
Paola Tommasi
staff Forza Italia Chamber of Deputies

In 2016, politics provided results considered surprising by many analysts: both Brexit and Donald Trump’s victory were declared highly unlikely in many opinion polls until just a few days before the referendum/election. At the same time, quantitative and qualitative research remains an irreplaceable tool for political communication and for the analysis of complex phenomena. What to do, then, to prevent polls completely losing their public credibility?









2017 Il Filo di Arianna - contacts - Privacy Policy - © All rights reserved P.I. 02480770540